Nuove Mura scoperte a Ostia

Newly discovered features at Ostia (Satellite imagery courtesy of Digital Globe Inc)
Nuove scoperte a Ostia (immagini satellitari per gentile concessione di Digital Globe Inc)

I ricercatori delle università di Southampton e di Cambridge hanno scoperto una nuova sezione del muro di cinta dell’antico porto romano di Ostia, dimostrando che la città era molto più grande di quanto stimato in precedenza. Il team, guidato dal Professore Simon Keay (Southampton) e dal Professore Martin Millet (Cambridge), ha condotto un sondaggio in una zona compresa tra Ostia e Portus.

Il lavoro è stato realizzato nell’ambito del Portus Project, in collaborazione con la British School at Rome, Paolo Germoni e Angelo Pellegrino della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma. In precedenza, gli studiosi pensavano che il Tevere avesse delimitato il limite settentrionale di Ostia, ma questa nuova ricerca basata su tecniche d’indagine geofisiche, ha dimostrato che il muro della città di Ostia proseguiva sull’altro lato del fiume. I ricercatori hanno scoperto che questa zona comprendeva tre magazzini enormi precedentemente sconosciuti – il più grande dei quali aveva le dimensioni di un campo da calcio.

Newly discovered features at Ostia (Satellite imagery courtesy of Digital Globe Inc)
Nuove scoperte a Ostia (immagini satellitari per gentile concessione di Digital Globe Inc)

Puoi scaricare le immagini e il comunicato stampa da questo link.