Analisi Strutturale

L’esame dei resti materiali delle società umane aiuta lo studio del comportamento umano nel passato in archeologia. Uno dei resti più importanti include le rovine di edifici storici. L’uso di attrezzature di rilievo computerizzate e la ricostruzione tridimensionale sono strumenti essenziali per i ricercatori  al fine di ricreare una base di partenza per la ricostruzione e per compiere ulteriori analisi. Tuttavia, l’affidabilità della precisione del modello ricostruito può essere controversa a causa della mancanza di sufficienti informazioni storiche. Nello studio di Portus, l’analisi strutturale ha dimostrato di essere uno strumento alternativo o di conferma per la ricostruzione tridimensionale in aggiunta al rilievo e all’indagine storica. Sulla base della stabilità delle strutture presenti, possibili forme ipotetiche possono essere analizzate strutturalmente sotto carico e il comportamento risultante può essere valutato al fine di determinare la sua forma attuale.

L’utilizzo dell’analisi strutturale, attraverso la modellazione agli elementi finiti (FEM), può essere visto attraverso il recente lavoro su Building 5. Un certo numero di forme ipotetiche della struttura sono state prodotte attraverso la modellazione procedurale e testate con il software FEM. Questo approccio ha permesso di individuare quali forme sono strutturalmente stabili attraverso le informazioni derivate dai dati di scavo, dalle indagini geofisiche e dalle scansioni laser. L’analisi serve a testare non solo i lavori di costruzione attraverso la sua forma, ma anche attraverso le proprietà dei materiali utilizzati. Questo vuole aggiungere un approccio scientifico alla ricostruzione realistica dei modelli computazionali prodotti a Portus.